Crea sito

YAMAHA XT 250 – (1984/2005) – Giappone

yamaha xt 250
Il mitico sound della XT 250 – Clicca Sopra

La XT è una moto d‘enduro della Yamaha con motore a quattro tempi, prodotta in varie cilindrate: 125 cc, 200 cc, 225 cc, 250 cc, 350 cc, 400 cc, 500 cc, 550 cc, 600 cc e 660 cc.

Yamaha XT 250 

yamaha xt 250
Circa 1981.

Questa moto è stata prodotta in tre serie, la prima serie va dal 1980 al 1985, come moto non è certamente tra le più performanti soprattutto paragonata con moto del 2005, questa moto è estremamente semplice in tutto dalla meccanica alle sovrastrutture praticamente inesistenti, la moto è costituita da una carenatura molto spartana, un parafango posteriore minimale, una grande sella, un grande serbatoio (ma non molto capiente), un parafango anteriore, con particolari fori nella parte posteriore al canotto di sterzo, che permettono di scaricare la terra, ma principalmente aiutano l’aria a non rimanere intrappolata e ridurre l’alleggerimento dell’anteriore.

yamaha xt 250

La seconda serie va dal 1986 al 1990 rimane abbastanza simile, ma cambia il forcellone posteriore, che ora diventa munito di leveraggi con sospensione orizzontale, il motore rimane lo stesso, ma passa da un sistema SOHC a DOHC aumentando di potenza da 17 CV a 27 CV, il serbatoio viene ridimensionato e fatto in plastica invece che di metallo, assumendo una forma più compatta (cubica), viene aggiunta la mascherina anteriore, la sella diventa più lunga e più scavata anteriormente, formando una fossa prima del serbatoio, per evitare di andare troppo avanti con il corpo.

yamaha xt 250

La terza serie è stata prodotta dal 2000 al 2005, dove la moto rimane la stessa della seconda serie, ma con un telaio e carenature leggermente ridisegnate, con questa terza serie s’introduce la versione “X” una supermotard, con la coda, il parafango anteriore e lo scarico a formare linee più rette. B0308

yamaha xt 250

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo