LAVERDA 250 CHOTT – (1974) – Italia

Laverda_250_2T[1]

Laverda 250 Chott

Apparsa al Salone di Milano del 1973, questa moto rappresenta per la Laverda una piccola rivoluzione. Innanzitutto quel nome un po’ “intrigante”, che ricorda certi laghi tipici della Tunisia. E poi, se non è la prima due tempi della Casa (esisteva già un ciclomotore dieci anni prima), è il suo primo tentativo nel settore del fuoristrada e la Laverda lo affronta con qualche idea nuova.

laverda_250_chott_1974

Si tratta di una “trail-bike” una formula alla quale l’italia motociclistica non ha fino ad allora aderito e le originalità tecniche della Chott sono numerose. La colonna dello sterzo è regolabile in tre posizioni differenti per adattare la geometria della moto a ogni tipo di terreno, la frizione funziona a secco e la trasmissione finale è sotto carter stagno. Nella costruzione sono impiegati materiali nobili, in particolare il magnesio per i freni e il carter motore. Anche la linea lascia un po’ perplessi, nell’insieme si tratta di una moto seducente.

laverda_250_chott_frontale

Sfortunatamente la Laverda 250 Chott è pesante e di cilindrata troppo piccola. Inoltre non è certo a buon mercato, sia per Laverda che per i clienti e la sua attitudine per il fuoristrada non è affatto migliore di quella per i percorsi stradali.

Nel 1976 la Laverda cerca di rilanciarla con una versione 2T/R da 30 CV e con telaio rinforzato, paraurti sospeso e una tendenza più marcata verso l’enduro: ma i risultati non sono postivi. Quando nel 1977 la produzione si ferma, sono uscite dagli stabilimenti soltanto 5000 Chott e 2T/R

Laverda 2T/R
           Laverda 2T/R

L’estetica della Chott era sorprendente per l’epoca, ma oggi appare molto armoniosa. Peccato che la messa a punto non abbia avuto un seguito. La velocità massima dichiarata era di 120 Km/h. B0029

Laverda_250_chott_da_restaurare
            Una Chott in attesa di un “restauro”




Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Precedente LANCIA STRATOS - (1973/1976) - Italia Successivo FERRARI 360 MODENA - (1999) - Italia