Crea sito

SUZUKI 380 GT – (1972/1977) – Giappone

SUZUKI 380 GT

suzuki gt 380 celesti

Un anno appena dopo la sua 750 GT, la Suzuki presenta delle 380 e delle 550 cc., pure a tre cilindri, ma questa volta con raffreddamento ad aria.

l’inconfondibile Sound di una 380 GT – Clicca sopra

Suzuki 380 GT

Suzuki_GT_380L_depliant

La Suzuki gioca la carta della saggezza con moto docili, silenziose e apparentemente confortevoli. Come nel caso della 750, questo orientamento, più turistico che sportivo, sarà un handicap per le vendite delle 380 e 550 GT, con un pubblico portato verso le macchine di maggiori prestazioni.

Errori di giovinezza

1974_Suzuki_Gt_380

La 380, come la maggior parte delle Suzuki dell’epoca, porta il peso di una sospensione posteriore troppo rigida e di un’altezza dal suolo troppo scarsa in curva. E, soprattutto, la Suzuki ha commesso un altro grosso errore e cioè quello di aver riservato il freno anteriore a disco alla sola 550.

Benché questo errore venga rimediato alla fine del 1972, la 380 GT non ha il successo che meriterebbe. Le 380 e 550 GT spariscono alla fine del 1977, quando la Suzuki, specialista incontestata del motore a due tempi, è costretta a passare al quattro tempi per adeguarsi alle norme antinquinamento americane.

suzuki 380 gt vista alto strumenti

La 380 GT, e le altre 2 tempi della Suzuki a partire dal 1972, si distinguono per un elaborato raffreddamento ad aria, chiamato RAM, con un apposito sistema per convogliare l’aria fresca sopra la testa. Il motore, particolarmente silenzioso, sviluppa la sua potenza da 1000 a 7000 giri senza contraccolpi. La velocità dichiarata era di 165 km/h. b0345

suzuki 380 strumentazione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

suzuki 380 gt modello b

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Una risposta a “SUZUKI 380 GT – (1972/1977) – Giappone”

  1. Con questa moto,dotata di 6 marce e segnalatore digitale del rapporto inserito,lasciai al semaforo sulla statale, un alfista dal gomito sporgente con ancora il sorriso beffardo,che mi guardava e accelerava.Dopo pochi metri ero già a 150 e lui piccolo piccolo negli specchietti era li ancora che sgommava.

I commenti sono chiusi.