Crea sito

MALANCA E2C 125 – (1974/1982) – Italia

MALANCA E2C

MALANCA E2C

Il tipico sound due tempi dell’epoca – Clicca Sopra

La E2C è una motocicletta stradale costruita dalla Malanca dal 1974 al 1982.

L’idea di una 125 cm³ stradale nacque dall’esperienza nelle corse della Casa di Pontecchio Marconi: fu il fondatore della Casa, Mario Malanca, a volere uno stretto legame con la ottavo di litro che correva con Otello Buscherini.

MALANCA E2C
Colorazione Verde o Oro con inserti neri nella versione 1974

Si optò per una 125 bicilindrica due tempi, ispirata nel motore alle contemporanee Yamaha, mentre per il telaio fu realizzato un doppia culla chiusa in tubi simile nel disegno alla Malanca 125 da GP. La moto, battezzata E2C, fu presentata al Salone di Parigi 1973; al successivo Salone di Milano, un mese dopo, fu presentata una versione sportiva. La produzione iniziò nella primavera 1974.

MALANCA E2C
Colorazione rosso amaranto o azzurro scuro con telaio nero con inserti serbatoio e fiancatine grigio chiaro per il modello 1975

L’accensione è elettronica ed il cambio a 5 marce. La Malanca dichiara a conforto della solidità del progetto che il gruppo bielle e albero erano sostanzialmente gli stessi del modello utilizzato nelle competizioni e soggetto a ben altre sollecitazioni. La potenza dichiarata è di 15cv Din a 8000 giri, con un sorprendente tiro ai bassi regimi e con una curva di coppia che si stende regolare sino al massimo regime. Un motore quindi facile ed adatto a tutti i percorsi.

Malanca E2C – La moto

Malanca E2C

All’inizio la moto si presentava con manubrio alto e freni a tamburo (l’anteriore a comando idraulico); a richiesta era disponibile il manubrio basso e il freno a disco anteriore. In occasione del Salone di Milano 1975 la moto fu migliorata, con l’adozione di termiche maggiorate; la gamma inoltre si ampliò con tre nuovi modelli:

Malanca E2C

  • E2C Sport, più potente (18 CV) e dal look sportivo (mezzi manubri, pedane arretrate, sella con codino, due freni a disco all’anteriore);
  • 150 GT, con motore maggiorato a 150 cm³, utilizzabile anche in autostrada;
  • E2C Scrambler 125, ispirata alla contemporanea Ducati Scrambler.

Malanca E2C

Il maggiore successo fu riscosso dalla E2C Sport, che fu rivista nel 1977: nuova la strumentazione, i colori, le grafiche e la sella, fu montato un freno a disco anche al posteriore (prima ottavo di litro ad averlo) e i cerchi in lega (che si dimostrarono molto fragili).

MALANCA E2C

Nel 1979 la moto ebbe un nuovo restyling, con nuovi colori (ispirati alle Lotus sponsorizzate John Player) e nuovi cerchi in lega più robusti. In quello stesso anno fu presentata la GTI, modello di transizione verso la GTI 80 del 1980, che sostituì la E2C come modello di punta della Casa emiliana. La moto non uscì però di produzione, restando a listino come modello più economico sino al 1982, anno in cui fu rimpiazzata dalla OB One raffreddata ad acqua. B0300.

Nel nostro sito CURIOSANDO708090 bellissimo articolo dedicato alla storia della Malanca con curiosità, VIDEO e FOTO di tanti dei modelli storici .Clicca sopra per vederlo !!!!

Caratteristiche tecniche – Malanca E2C 1974/75

Malanca E2C

Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 1.900 × 765 × 1.055 mm
Altezze Sella: 770 mm
Interasse: 1.265 mm Massa a vuoto: 103 kg Serbatoio: 11 l
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a due tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 124,82 cm³ (Alesaggio 43 x Corsa 43 mm)
Distribuzione: regolata dal pistone a luci incrociate contrapposte con quattro travasi Alimentazione: due carburatori Dell’Orto SHB 19 B
Potenza: 15 CV a 8.000 giri/min Coppia: Rapporto di compressione: 8,5:1
Frizione: multidisco a bagno d’olio Cambio: 5 marce a ingranaggi sempre in presa, comando a pedale sulla destra
Accensione elettronica Dansi
Trasmissione primaria ad ingranaggi a denti elicoidali; finale a catena
Avviamento a pedale
Ciclistica
Telaio doppia culla chiusa in tubi d’acciaio
Sospensioni Anteriore: forcella teleidraulica Marzocchi con steli da 32 mm / Posteriore: forcellone oscillante e due ammortizzatori Marzocchi regolabili in 3 posizioni
Freni Anteriore: a tamburo Scarab da 160 mm a comando idraulico (optional a disco da 230 mm) / Posteriore: a tamburo da 140 mm
Pneumatici anteriore 2.75-18″, posteriore 3.00-18″
Prestazioni dichiarate
Velocità massima 121 km/h
Fonte dei dati: Motociclismo d’Epoca 3/2015, pag. 61
Malanca E2C
Il modello Scrambler

Testo tratto e modificato: https://it.wikipedia.org/wiki/Malanca_E2C

Articolo in collaborazione con: http://www.curiosando708090.altervista.org

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo