HONDA CBX 1000 SEI – (1978) – Giappone

HONDA CBX 1000 SEI

honda_cbx_1000_Z_6_1981

Il dolce sound di una CBX sei – Clicca Sopra

————————————————————————————————————————————-

Con la sigla CBX la casa motociclistica giapponese Honda ha messo in vendita numerosi modelli di motocicletta a partire dal 1978.

honda cbx

Le Honda CBX sono moto stradali sportive, che per le loro caratteristiche si inseriscono tra le Honda CB e le Honda CBR. I propulsori sono tutti in configurazione in linea ma con il numero dei cilindri che arrivavano fino all’esacilindrico della 1000 cm³. Quest’ultima in particolare, oltre ad essere stata la prima utilizzante la sigla CBX è stata quella maggiormente pubblicizzata all’epoca della presentazione, mettendola in diretta concorrenza con l’unico altro modello di produzione con motore a 6 cilindri, la Benelli Sei.

honda-cbx-1000-6-cilindri-prima-serie_strumentazione

Anche per quanto riguarda la presentazione estetica le differenze sono state notevoli; dai primi modelli sprovvisti protezioni aerodinamiche che potevano essere definiti “naked”, si è passato, per i modelli successivi, anche alle versioni provviste di carenatura, riconoscibili perlopiù dalla sigla “F”.

La CBX faceva parte di quello che, all’epoca, poteva chiamarsi un trio a 18 cilindri, insieme alla Benelli 900 Sei ed alla nipponica Kawasaki Z1300, entrambe chiaramente dotate di motore a 6 cilindri.
Proprio nel 1976 la Honda pensò di progettare una motocicletta caratterizzata da una “superfetazione cilindrica” rispetto alle classiche quattro in linea.
La elevata qualità costruttiva della sei cilindri nipponica fa assurgere questa motocicletta ai livelli più alti di specificità, facendo sì che essa rappresentasse il top della gamma Honda della seconda metà degli anni Settanta.

honda-cbx-1000-6-cilindri-prima-serie_11

HONDA CBX 1000 SEI – Come andava

La si poteva metter alla prova in vario modo, la CBX 1000, soprattutto su pista, ma purtroppo si sarebbe riscontrata una certa penalizzazione del “carroarmato dagli occhi a mandorla” sulle pieghe più decise. Ciò rendeva la moto decisamente vulnerabile a rotture e sfregamenti vari. Il suo peso a secco di 258 Kg, non veniva definito proprio da scooter cittadino: non poteva permettersi di svicolare come una Vespa, non era una moto agile, ma stando in sella ad essa, anche a basse velocità, ci si rendeva subito conto, con i capelli al vento, di non avvertire quasi per nulla il suo peso, neanche nelle curve: diventava quasi un “letto di piume”, come fu definita la celeberrima Norton Manx, qualche lustro prima.

honda_cbx_100_sei_cilindri

Caratteristiche tecniche – Honda CBX 1000 SEI ’78

Dimensioni e pesi
Interasse: Massa a vuoto: a vuoto 247 kg Serbatoio: 20 l
Meccanica
Tipo motore: Esacilindrico a quattro tempi in linea Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 1.047 cm³ (Alesaggio 64,5 x Corsa 53,4 mm)
Distribuzione: DOHC a 4 valvole cilindro Alimentazione: carburatori Keihin da 28 mm
Potenza: 105 CV a 9.000 rpm Coppia: 70,6 N·m a 8.500 rpm Rapporto di compressione: 9,3:1
Frizione: multidisco a bagno d’olio Cambio: sequenziale a 5 rapporti1: 12.90 (riduzione totale) 2: 9.26 3: 7.35 4: 6.35 5: 5.49
Accensione elettronica CDI
Trasmissione primaria a ingranaggi elicoidali
finale a catena
Ciclistica
Sospensioni Anteriore: forcella teleidrailica / Posteriore: monocross con regolazione precarico
Freni Anteriore: doppio disco pieno da 276 mm / Posteriore: freno a disco pieno da 296 mm
Pneumatici anteriore 3.50 V19″, posteriore 4.25 V18″ ( 4gen18 )

honda_cbx-6-1000_six




Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Precedente FORD CAPRI - Prima serie - (1969/1974) - Germania Successivo AUTOBIANCHI BIANCHINA - (1957/1969) - Italia