YAMAHA RD 500 LC – (1984/1987) – Giappone

Yamaha rd 500

yamaha_rd_500_lc_bianca_rossa
 Il sound di una RD 500 – Clicca Sopra

———————————————————————————————————————-

Yamaha RD 500 LC

La Yamaha RD 500 LC è una motocicletta prodotta dall’azienda giapponese Yamaha Motors dal 1984 AL 1987.
Nel 1984 la Yamaha esce da un periodo difficile ma, forte dello straordinario successo della sua RD/LC 350, la Casa decide comunque di giocare tutte le sue carte e si spinge ancora più in là nell’uso della sua immagine sportiva con la RD 500 LC una replica sbalorditiva della moto che ha vinto il campionato mondiale guidata da Kenny Roberts
Yamaha_rd_500_lc_marmitte
La Yamaha RD 500 LC si annuncia coma la moto sportiva di serie più sofisticata mai costruita: il motore è un quattro cilindri in linea a V con due alberi a gomito accoppiati per mezzo di ingranaggi, raffreddamento a liquido, valvole rotanti allo scarico e un look da mandare in visibilio gli amanti delle moto da gran premio.
Con un notevole rapporto peso/potenza (221 Kg. con tutti i serbatoi pieni), la RD 500 mette in ridicolo più di una 750 cc e le prestazioni sono tutte da ammirare. La parte ciclistica ha però qualche problema e il primo telaio Yamaha in alluminio, riservato al Giappone, è rifiutato in Europa: per i modelli esportati si fa ricorso quindi a un telaio in tubi di acciaio meno costoso e più rigido.
 
yamaha-rd-500-lc-retro
Per motivi di costo e di ingombro la concezione del motore è ben diversa da quella della moto campione del mondo. L’ammissione a dischi rotanti non viene ripresa e la mancanza di posto porta a definire un curioso sistema di ammissione: a valvole nel carter motore per i cilindri del blocco in basso e a valvole nei cilindri per il blocco in alto. La velocità massima dichiarata era di 221 Km/h.
Yamaha RD500-lc
Yamaha_rd_500_lc_nera
 
yamaha_rd_500_lc_strumentazione

La strumentazione della RD 500

yamaha_500_rd_lc_pista
Articolo in collaborazione con: http://curiosando708090.altervista.org


Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*