Moto Guzzi TROTTER – (1966/1973)

Trotter 


L’accensione dopo anni di silenzio – Clicca sopra

————————————————————————————————-

Il Trotter vide la luce nel 1966, nel delicato periodo di transizione dai Parodi alla STEIMM. Semplicissimo e di costo molto contenuto (54.000 Lire) riscosse subito un notevole successo, tanto da contribuire validamente a risollevare le sorti dell’azienda.

È il primo ciclomotore costruito dalla Moto Guzzi palesemente destinato all’utenza femminile e cittadina, come si evince dalla denominazione “Trotter”, celebre parco milanese, sorto sull’omonimo ippodromo, dove si svolse la prima gara motociclistica a carattere nazionale, organizzata da neonato Moto Club d’Italia, nel 1911.

Al primitivo modello con telaio completamente rigido e trasmissione con frizione automatica, più un rapporto ridotto per la salita, si aggiunsero alla fine del 1967 il Trotter VIP (verniciato in colori più brillanti) e il Super, con forcella anteriore telescopica.

Alla fine del 1969 il Trotter venne profondamente rinnovato, sia nel motore, ora a cilindro orizzontale di 49 cc. con trasmissione primaria a cinghia trapezoidale, che nel telaio. Si ebbero così quattro nuove versioni del ciclomotore: Special 2 (poi Special V) con in più il variatore automatico di rapporto a cinghia trapezoidale e pulegge espandibili;

Mark I (poi Mark M) monomarcia, con forcella anteriore a biscottini e sospensione posteriore a forcellone oscillante; e infine Mark 2 (poi Mark V) ed il variatore automatico. Le quattro versioni sono rimaste in produzione fino al 1973 ed erano disponibili in vari colori.




Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Precedente FERRARI 250 GTO - (1962/1964) - Italia Successivo ISO RIVOLTA FIDIA - (1968/1974) - Italia