FIAT 600 D – (1960/1964) – Italia

FIAT 600 Dfiat_600_d_prima_serie_1960

Una bella 600 D – Clicca Sopra

————————————————————————————-

Fiat_600_d_1960

La Fiat 600 è un’autovettura prodotta dalla casa automobilistica italiana FIAT, costruita dal 1955 al 1969. Viene considerata l’icona del boom economico italiano.

La “600”, nata come vettura popolare, ma non del tutto superutilitaria, avrà uno strabiliante successo di vendite e, dopo pochi mesi, il tempo di attesa per la consegna supererà l’anno.

È da ricordare che, in occasione della presentazione della Fiat 600, la televisione, in epoca in cui la Rai non faceva pubblicità televisiva, trasmise un cortometraggio sulla macchina nuova nata, preparato da Cinefiat e tipico esempio di pubblicità redazionale.

Il motore – Progetto 100

fiat_600_d_motore_

Il motore, progetto “100”, da 633 cm³ presentava grosse novità come il collettore di aspirazione integrato nella fusione della testa (grande vantaggio economico) e per la prima volta per FIAT il basamento monoblocco (e non in 4 pezzi saldati insieme come sulla Topolino). Fu una tipologia di motore con vita lunghissima, basti dire che con cilindrate mano a mano cresciute rimarrà utilizzato sino al 1999, dopo che la produzione era stata spostata in Polonia.

La sospensione a balestra trasversale sarebbe stata utilizzata sul posteriore ancora dalla 127 e dalla 128 quasi trent’anni dopo, con il vantaggio di avere l’elemento elastico facente funzione anche di barra antirollio.

Arrischiata ma efficace fu la soluzione del radiatore posto nel posteriore con il ventilatore calettato sulla pompa dell’acqua (un’integrazione di funzione, evidentemente pensata per ridurre i costi).

fiat-600-d-interni

Il ventilatore lavorava spingendo l’aria contro il senso di marcia (dal dietro verso l’avanti) ma questo non creò problemi insormontabili, grazie anche all’adozione di un convogliatore di gomma aderente al radiatore. La progettazione terminò di fatto a metà 1954 e fu avviato l’attrezzamento delle officine di Mirafiori, dove la vettura sarà prodotta sino alla fine degli anni sessanta.

Dal suo progetto base, compresa la cellula abitativa, venne messa in produzione dal 1964 la Fiat 850, quella che ne prenderà il posto come secondo modello base della produzione Fiat dopo la Fiat Nuova 500 e può esserne considerata l’erede. Per quanto riguarda il nome invece, la Fiat lo rispolvererà nel 1998 con la presentazione della Fiat Seicento che non aveva però alcun punto in comune con la progenitrice.

Fiat 600 D I serie

Fiat_600_d_1964

Dopo le ferie estive del 1960 la Fiat introduce la versione ” D ” della 600, che presenta, rispetto al modello precedente, modifiche alla carrozzeria e alla meccanica. Per la carrozzeria si notano: aggiunta dei deflettori orientabili alla finestrata portiere, maggiorazione grigliatura cofano motore. Nella parte meccanica si osservano invece: cilindrata motore portata a 767 cc. e diverso rapporto al ponte. Prestazioni ovviamente migliorate.

Queste le caratteristiche della Fiat 600 D I serie: (settembre 1960-aprile 1964) motore 767 cm³, 29 CV (21 kW) a 4 800 giri/min, velocità massima circa 110 km/h. Nonostante l’aumento di potenza, i consumi rimangono di 5,7 l per 100 km. Sul cofano motore le griglie diventano da 30 a 36, deflettori alle portiere che erano ancora incernierate posteriormente.  Il suo costo su strada era di Lire 640.000

fiat_600_d_I_serie

FIAT 600 D – Impressioni di guida

Tipica “tutto dietro” la Fiat 600 D offre una guida da anni Cinquanta: stabilità e tenuta sono approssimative, soprattutto se l’esemplare in questione è dotato di pneumatici originali, cioè a tele incrociate e quindi non radiali, e le prestazioni non sono un granché (ma comunque accettabili rispetto a quelle delle 600 prima serie). Però per qualche passeggiata o gita sociale è divertente e, per giunta, consuma pochissimo.

I freni a tamburo richiedono regolazioni precise per garantire arresti senza ondeggiamenti: più si tiene la 600 in movimento, meglio frena (pur con i limiti di un impianto oggi inadeguato). Il motore da 29 CV ha il tipico suono dell’aspirazione, che può essere esaltato da una marmitta fuoriserie. A bordo, in quattro si sta strettini, ma ci si sta. ( 1ago18 )

fiat_600_d_retro

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Fiat_600



Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Precedente MALANCA GTI 80 - (1980/1984) - Italia Successivo Curiosità dal mondo - Costruita l'auto BIFRONTE