BMW ISETTA – (1955/1962) – Italia/Germania

BMW ISETTA

bmw_isetta_frontale

“Affari a quattro ruote” su l’Isotta 300 – Clicca Sopra 

————————————————————————————-

BMW Isetta

La Isetta è una microvettura che venne prodotta dalla casa automobilistica italiana Iso di Bresso tra il 1953 ed il 1956 e, su licenza, dalla tedesca BMW tra il 1955 ed il 1962.

La BMW Isetta, nel 1955, è stata la prima automobile al mondo, prodotta in serie, a basso consumo di carburante (3 L / 100 km). Inoltre è stata l’automobile con motore monocilindrico più venduta di tutti i tempi con 161 728 unità vendute.

Nel 1954, al Salone di Ginevra, la Iso di Renzo Rivolta espose la propria Isetta, mentre la BMW espose un modello completamente diverso, la 502 V8. I due modelli avevano un solo punto in comune: lo scarso successo. Già da tempo al quartier generale di Monaco stavano pensando di integrare il proprio listino con una piccolissima vetturetta da città, possibilmente su licenza per evitare i costi di progetto e che fosse commercializzabile quindi ad un prezzo molto basso.

Iso_isetta_apertura
Iso Isetta particolare portiera

A Ginevra, la Isetta fu notata da C.A. Drenowatz, importatore BMW in Svizzera, che ne parlò ai vertici BMW in Baviera. Fu così che Eberhard Wolff, responsabile del reparto collaudi, il mese dopo fu inviato al Salone di Torino, sapendo che si doveva agire in fretta per evitare ulteriori “buchi” economici alla Casa bavarese. Qui vennero stretti i primi accordi con Renzo Rivolta, ed i negoziati vennero ultimati poco tempo dopo a Milano, dove Kurt Donath e Fritz Fiedler, rispettivamente direttore tecnico e responsabile sviluppi BMW, vennero inviati per perfezionare l’affare. In base all’accordo stipulato, BMW aveva il diritto di rilevare sia i progetti che le attrezzature per produrre la scocca, mentre non appariva interessato al monocilindrico sdoppiato da 9,5 CV, ritenuto poco potente. Nell’autunno del 1954, la BMW annunciò ufficialmente che la nuova vetturetta sarebbe stata lanciata entro breve.

BMW-Isetta_profilo

La presentazione alla stampa della nuova Isetta marchiata BMW avvenne il 5 marzo 1955, ma non ufficialmente con il nome Isetta: la denominazione ufficiale della nuova vetturetta BMW fu infatti BMW 250, mentre il nome Isetta continuò ad essere utilizzato molto frequentemente anche in Germania, ma solo come soprannome.

Differenze con l’Isetta italiana

bmw_isetta

Rispetto alla sorella italiana, la BMW 250 mantenne quasi per intero il corpo vettura, tranne alcuni particolari, come il nuovo disegno della griglia di raffreddamento ed il nuovo cofano motore posteriore. Altre modifiche stavano nella posizione più rialzata dei fari anteriori ed internamente nell’installazione di un piccolo impianto di riscaldamento. Dal punto di vista della meccanica, la modifica più evidente stava nel nuovo motore monocilindrico, non più a due, ma a quattro tempi, e della cilindrata di 245 cm³. Tale motore, derivato da quello della moto R25/3, erogava una potenza massima di 12 CV contro i 9,5 CV della versione Iso, ed inoltre disponeva di un albero a gomiti con supporti rinforzati. Differente anche la frizione, stavolta del tipo monodisco a secco. Le prestazioni velocistiche rimasero comunque le stesse della Isetta italiana. B0041

BMW_Isetta_pubblicità_vintage

Per quanto riguardava il telaio, la differenza più notevole stava nell’avantreno, non più con tamponi in gomma, ma con delle vere e proprie molle elicoidali in acciaio, mentre per quanto riguardava l’impianto frenante di servizio, vennero mantenuti i due tamburi anteriori così come quello posteriore, ma quest’ultimo venne spostato sulla ruota sinistra, mentre su quella destra agiva il freno a mano.

BMW_Isetta_600
BMW Isetta 600 particolare motore

BMW_Isetta_con_carrello

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Iso_Isetta




Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Precedente ASTON MARTIN DB5 - (1963/1965) - Gran Bretagna Successivo DUCATI 916 - (1994/1998) - Italia