ALFA ROMEO GIULIETTA SPRINT – (1954/1965) – Italia

Alfa_Romeo_Giulietta_Coupe_ca_1955

Il Test Drive di una Sprint Veloce del 1957 – Clicca Sopra

——————————————————————————————————————————-

AIUTO GRATIS AL SITO AUTO E MOTO

Finalmente puoi contribuire in modo TOTALMENTE GRATUITO al sostentamento del SITO e delle PAGINE FACEBOOK acquistando su AMAZON entrando sul vostro profilo CLICCANDO sul banner sotto. Un GRAZIE di CUORE !


—————————————————————————————————————————–

L’Alfa Romeo Giulietta Sprint, in seguito denominata Alfa Romeo Sprint, è una vettura sportiva prodotta dal 1954 al 1965; è la versione coupé del modello “Giulietta”.

Presentata alla fine del 1954, la Giulietta Sprint è il primo modello della serie che porta questo nome. Seguiranno la Giulietta berlina del 1955 e diverse altre versioni fra cui la bellissima spider con tettuccio in tela. Appena un decennio dopo la fine della guerra, la Casa automobilistica milanese voleva realizzare qualcosa che facesse rivivere i fasti della sua produzione prebellica, caratterizzata da auto scattanti e maneggevoli. Il risultato di questo sforzo fu la Giulietta Sprint, con motore frontale e trazione posteriore.

alfa_romeo_giulietta_sprint_foto_vintage

Così nasce la Giulietta Sprint presentata come prototipo di pre-serie al Salone dell’automobile di Torino il 19 marzo 1954. In realtà gli esemplari proposti furono due, uno di colore rosso e uno di colore azzurro, diversi tra loro in molti particolari, ma che avevano persino il portellone posteriore apribile, vera novità per l’epoca. Tale soluzione fu poi abbandonata per la produzione in serie, in quanto si temevano infiltrazioni d’acqua, dovute alla scarsa inclinazione della zona lunotto e alla precaria tenuta delle guarnizioni dell’epoca.

alfa_romeo_giulietta_sprint_profilo

Il successo del nuovo modello fu tale che l’Alfa Romeo dovette immediatamente rivedere i suoi programmi produttivi che prevedevano un minimo di 100 e un massimo di 200 esemplari annui. Già al termine del primo giorno di apertura del Salone, infatti, gli ordinativi superarono i 500 esemplari.

alfa_romeo_giuelitta_sprint_rossa_anni_50

L’auto era spinta da un propulsore di piccola cilindrata ma tecnologicamente evoluto per l’epoca, con doppio albero a camme in testa e blocco e testata in lega leggera e grazie alla presenza di un rapporto di compressione più elevato rispetto alla berlina e ad un carburatore doppio corpo raggiunge i 65 cavalli e una velocità massima di circa 160 km/h.

Contribuiscono al successo la linea moderna e filante ed il prezzo di 1.900.000 lire, che, pur non economico in assoluto, è però molto inferiore rispetto a quello della sorella maggiore 1900 Super Sprint coupé Touring, commercializzata in parallelo (che costa 3.210.000 lire). Veniva venduta all’epoca solo in quattro colorazioni: rosso Alfa, blu tornado, bianco gardenia e azzurro Capri.

Alfa-Romeo_Giulietta_Sprint_retro

Le cifre di vendita della gamma Giulietta raggiungono subito valori di rilievo: dalle 12 unità costruite nel 1954, si passa a 1.415 nel 1955 ed a 1.855 nel 1956.

Nel 1956, a ogni buon conto, alla normale Sprint viene affiancata la versione Veloce che si distingue per parecchi alleggerimenti – tra cui i vetri delle porte in plexiglas ad apertura scorrevole che consentono l’eliminazione anche dei tradizionali alzacristalli e che sono l’elemento distintivo estetico di questa versione, ed anche per l’assenza dei piatti cromati coprimozzi alle ruote – e per un incremento della potenza e delle prestazioni:

giulietta_sprint_anni_50_motore

con l’adozione di un’alimentazione a 2 carburatori Weber orizzontali a doppio corpo, il rapporto di compressione portato a 9:1 i cavalli salgono a 90 e la velocità a 180 km/h. Il prezzo di vendita della “Sprint Veloce” viene fissato in Lire 2.250.000.  Fu poi messa a listino anche una versione della Sprint Veloce denominata Lusso, perché accessoriata con vetri laterali in cristallo discendente e coprimozzi cromati alle ruote.

La linea risulta piacevole e moderna e l’operazione di inserire la Giulietta Sprint in una fascia più popolare riesce molto bene. La Giulietta berlina arriva nella primavera del 1955, mentre in autunno, al Salone dell’automobile di Francoforte, vede la luce la Spider. B0075

alfa_romeo_giulietta_sprint_spider

Caratteristiche tecniche – Alfa Romeo Giulietta Sprint del 1954

Configurazione
Carrozzeria: Coupé Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 3.980 × 1.535 × 1.320 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.380 mm Carreggiate: anteriore ? – posteriore ? mm Altezza minima da terra:
Posti totali: Bagagliaio: Serbatoio: 53 l
Masse a vuoto: 880 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea a ciclo Otto raffreddato ad acqua e dotato di camere di scoppio emisferiche Cilindrata: (Alesaggio x corsa = 74 x 75 mm); totale 1.290 cm³
Distribuzione: Due alberi a camme in testa azionati da catena ed ingranaggi Alimentazione: carburatore doppio corpo
Prestazioni motore Potenza: 65 CV a 6000 giri/min (DIN) – 75 CV a 6000 giri/min (SAE)
Frizione: Cambio: In blocco con il motore, a 4 rapporti + RM
Telaio
Sospensioni anteriori: Ruote indipendenti / posteriori: Assale rigido
Freni anteriori: a tamburo / posteriori: a tamburo
Pneumatici 155 x 15
Prestazioni dichiarate
Velocità: 160 km/h Accelerazione: Km da fermo in circa 37″
Consumi dichiarato dal costruttore (norme CUNA) litri 9 ogni 100 km

La Giulietta Sprint è un’auto molto richiesta dai collezionisti di oggi e un esemplare originale può raggiungere facilmente i 30/40.000 euro.

Schermata 2015-09-13 alle 5.30.47 PM




Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Precedente Piaggio VESPA RALLY - (1968/1979) - Italia Successivo LOTUS 78 / 79 ... la rivoluzione Effetto Suolo - (1977/1978)