HONDA MTX – (1986) – Giappone

Honda MTX

honda MTX

Una Honda MTX 125 in azione – Clicca Sopra

————————————————————————————————————-

Honda MTX 125

Il 1985 rappresenta una svolta importante per Honda Italia. La NS-F diviene la moto stradale più venduta e contribuisce in maniera significativa al ritrovato interesse dei sedicenni dell’epoca per le 125 stradali, ovvero una categoria che nel passato aveva sempre suscitato meno interesse rispetto alle enduro.

honda MTX

Il 1986 vede quindi la nascita della MTX-R, nome in codice TC02 e codice omologativo DGM 51933 OM, una 125 pensata per conquistare la hit parade delle vendite anche nella categoria delle enduro. Una scommessa che Honda vince senza problemi. La Mtx è quindi una moto indirizzata a coloro che, o per preferenze personali, o per genitori poco disposti nei riguardi delle stradali, considerate sempre più veloci e quindi più pericolose, proprio non vogliono rinunciare al manubrio alto.

honda MTX

Costruita per il 95 % in Italia presso lo stabilimento Honda di Atessa, così come la sua cugina stradale Ns, la nuova Mtx vanta soluzioni tecniche di prestigio come la valvola ATAC allo scarico ed un livello qualitativo generalmente ottimo.

Il prezzo è di Lire 3.473.500 ed è tra i più bassi della categoria. Un bel punto a favore della Mtx considerata la buona qualità degli assemblaggi, delle verniciature, le dotazioni tecniche e le doti di affidabilità tipiche di una Honda.

honda MTX

Le colorazioni 1986 sono due: un alquanto aggressivo ed originale giallo e nero con sella gialla ed un più classico rosso e bianco con sella rossa.
La linea è decisamente piacevole ed originale. Nel 1987 arriva una nuova colorazione blu/bianco con sella blu.

Caratteristica l’integrazione fra sella e serbatoio piramidale, una scelta che la distingue dalle altre enduro ’85, e ben studiate le alette convogliatrici del radiatore e le fiancatine laterali pronunciate verso il retrotreno che contribuiscono a snellire la linea. La completa strumentazione ed i blocchetti elettrici sono veramente ben fatti ed offrono un livello di qualità da vera moto giapponese.

honda MTX

La ciclistica della Mtx vanta un semplice telaio monoculla sdoppiato all’altezza della testata in tubi di acciaio a sezione quadra. L’inclinazione del cannotto di sterzo è 28, l’avancora 105 mm e l’interasse di 1380 mm. La sospensione anteriore prevede una forcella Marzocchi da 35mm priva di regolazioni con un escursione di 230 mm. La sospensione posteriore è la nota Pro-Link modificata per un uso fuoristradale ed accoppiata ad un ammortizzatore Marzocchi regolabile nel precarico molla. Il forcellone posteriore è in acciaio. L’impianto frenante prodotto dalla Grimeca è praticamente lo stesso della NS e vanta all’anteriore un disco fisso da 240 mm servito da pinza a doppio pistoncino ed al posteriore un tamburo da 110 mm.

honda MTX

Il propulsore è il medesimo montato sulla NS stradale. Vanta quindi il raffreddamento a circolazione forzata, l’ammissione lamellare ed ovviamente la valvola allo scarico a comando meccanico ATAC. L’avviamento è solo a pedivella. Rispetto all’unità montata sulla NS, il motore della Mtx adotta un nuovo gruppo termico, un carburatore Dell’Orto PHBL 24 (PHBS 26 sulla Ns) ed uno scarico ovviamente rivisto. Il tutto per ottenere maggior rotondità di funzionamento ed una migliore erogazione ai bassi e medi regimi. Anche la trasmissione adotta rapporti differenti al cambio ed alla trasmissione finale. La potenza dichiarata è inferiore alla NS, ma l’erogazione è decisamente più corposa. La potenza rilevata alla ruota è infatti di 18,18 cv a 8700 giri e la velocità massima di 121,3 km/h. ( 4mar17 )

honda MTX

Articolo in collaborazione con : http://curiosando708090.altervista.org

Spunti tratti da: http://125stradali.com



Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo