FORD ANGLIA (Mod. 105E) – (1959/1967) – Gran Bretagna

FORD ANGLIA

Ford_anglia_1959

Il filmato originale del lancio della Anglia – Clicca Sopra

—————————————————————————————————————

La Anglia è stata una vettura prodotta negli stabilimenti che la Ford aveva impiantato in  Gran Bretagna. Venne venduta in questo paese e, per un modello, anche nell’Europa continentale. La vettura era inoltre collegata ad altri due modelli sempre della Ford: la Popular e la Prefect. Con il nome Anglia ci si riferisce a quattro diversi modelli prodotti tra il 1940 e il 1967: Mod. E04A: (1940–1948); Mod. E494A: (1949–1953); Mod. 100E: (1953 – 1959) e Mod. 105E: (1959–1967)

Ford Anglia Mod. 105E

ford_anglia_1959

La 105E fu il modello finale dell’Anglia. Presentata al Salone di Londra del 1959 e caratterizzata dall’originale taglio del padiglione, la Ford Anglia montava un 4 cilindri di 997 cc. in grado di sviluppare 39,5 CV a 5000 giri/min: la velocità era di 115 km/h.

Ne vennero costruite più di un milione di unità (1.288.956 – sommando i 954.426 esemplari del tipo berlina, i 129.529 del tipo familiare e i 205.001 del tipo furgone), in virtù di un successo in buona parte dovuto alla modernità del motore, che trovò largo impiego anche in campo sportivo.  

Ford_Anglia_competizione_sportiva

Le linee morbide ricordavano molto quelle delle auto prodotte dalla Studebaker negli anni cinquanta piuttosto che il look aggressivo delle vetture Ford. Come sulle Lincoln e sulle Mercury di quell’epoca anche il lunotto posteriore era inclinato con una linea del tetto piatta.

Erano presenti delle pinne sulla parte posteriore della vettura anche se di dimensioni minori rispetto a quelle delle vetture americane. In parte questa linea era forse dovuta all’utilizzo da parte dei progettisti inglesi della galleria del vento per i test. Nel 1961 venne introdotta la versione station wagon.

Ford_anglia_strumentazione

Ford_anglia_motore_engine

Ford_anglia_bagagliaio

Ford_Anglia_123E_Super



Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo