FIAT NUOVA 500 L – (1968/1972) – Italia

Fiat 500 L

Fiat 500 L

Spot originale dell’epoca – Clicca Sopra 

VIDEO 2 – Il sound particolare di una delle tante marmitte dell’epoca – Clicca Qui

——————————————————————————————————-

La FIAT Nuova 500, anche conosciuta come FIAT 500 o con il popolare appellativo Cinquino, è un’automobile superutilitaria della casa torinese, prodotta dal 1957 al 1975 in svariate serie.

Fiat 500 L

Fiat 500 L

Cambiano i tempi. La FIAT, visto il successo della 500 F, decide di apportare delle sostanziali modifiche estetiche alla piccola vettura, per renderla più rifinita e “lussuosa”. Nasce allora, nell’agosto 1968, la 500 L. La differenza più evidente è l’adozione di tubi cromati di rinforzo ai paraurti (il cosiddetto sistema ercolino), per offrire, alla vettura più piccola d’Italia, maggiore protezione nei parcheggi o nel traffico urbano.

Fiat 500 L

All’esterno, oltre i rinforzi tubolari dei paraurti, le modifiche riguardano: tergicristalli, innestati a pressione e non più avvitati (saranno montati poi anche sulla successive serie della F che resta in produzione affiancata dalla L); fregio con i baffi sostituito dal più moderno stemma FIAT rettangolare; come nella F, clacson spostato più in basso, al supporto della balestra; targhetta identificativa con la scritta «FIAT 500 L» su due barre sovrapposte; coppe delle ruote meno bombate e di nuovo disegno più squadrato; cornici cromate al parabrezza, al lunotto (nelle guarnizioni nere) e sui gocciolatoi laterali.

Fiat 500 L

Gli interni della FIAT 500 L. Si notino la moquette, il volante a razze, il cruscotto rettangolare tipo 850 e la plancia rivestita in plastica nera.

All’interno la 500 L smentisce la leggendaria spartanità della 500 F e dei modelli precedenti con varie rifiniture: sedili reclinabili (offerti dal ’70 come optional anche sulla F) e con un disegno nuovo a righe; rivestimento del pavimento in moquette; plancia ricoperta da plastica nera; nuovo cruscotto con indicatore carburante, identico a quello della 850, ma di colore nero anziché beige;

Fiat 500 L

volante a razze nero con logo rosso FIAT nel pulsante clacson; levette di apertura delle porte di nuovo design e spostate nella parte inferiore; nuove manovelle degli alzacristalli; comode tasche portaoggetti in plastica nera inserite sui due pannelli anteriori degli sportelli; tunnel centrale rivestito in plastica nera e dotato di una vaschetta portaoggetti davanti alla leva del cambio.

Gli interni della FIAT 500 L. Si notino la moquette, il volante a razze, il cruscotto rettangolare tipo 850 e la plancia rivestita in plastica nera.

La meccanica è la stessa della F. Per quanto riguarda la carrozzeria, questo modello seguirà, per ragioni economico-industriali, le modifiche apportate alla F nel corso della produzione: dal 1968 spostamento del clacson dal vano bagagli alla balestra; dal 1970 spostamento in alto della luce targa; dal luglio 1972 il cofano motore è tenuto aperto da un’astina anziché da una cinghia di gomma. Unica variazione riguarda l’equipaggiamento dei pneumatici che ora sono 125-12 a carcassa radiale. Lieve variazione anche nella lunghezza a causa dei rostri tubolari. Anche il peso aumenta di Kg. 10.

Gli interni della FIAT 500 L. Si notino la moquette, il volante a razze, il cruscotto rettangolare tipo 850 e la plancia rivestita in plastica nera.

Anche gli optional introdotti sulla L, verranno estesi alla F: pneumatici radiali (dall’inizio produzione); antifurto-bloccasterzo (dal ’70); rivestimento sedili in panno (dal ’69). La gamma-colori si arricchisce di tinte in quel periodo all’ultima moda: nero e giallo. La produzione termina nel novembre 1972, quando la F e la L vengono sostituite dalla 500 R.

  • Prezzo di listino nel settembre 1968: 525.000 lire
  • Codice telaio: Fiat 110 F/L Berlina 500
  • Codice motore: 110 F 000
  • Velocità Massima 95 Km/h

Fiat 500 L

Fiat 500 L

Spunti tratti e modificati: https://it.wikipedia.org/wiki/Fiat_Nuova_500

Articolo in collaborazione con: http://curiosando708090.altervista.org



Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*