CAGIVA ELEFANT 900 – (1990/1996) – Italia

cagiva elefant

Sound di una 900 ie – Clicca Sopra

——————————————————————————————————–

La Cagiva Elefant è una motocicletta da Deserto-stradale ossia capace d’andare su terreni sabbiosi come sull’asfalto, venne prodotta in varie cilindrate, da 125, 200, 350, 650, 750 e 900 cm³. I due modelli più piccoli furono prodotti con motori a due tempi, mentre gli altri con motori bicilindrici a quattro tempi.

Cagiva Elefant 900

cagiva elefant

Questo modello è un progetto completamente nuovo rispetto alla precedente Elefant 750. Venne prodotta in due serie distinte, la prima dal 1990 al 1992, la seconda dal 1993 al 1996. Nel 1990 nasce in serie limitata a 1.000 esemplari la Elefant 900 IE con livrea Lucky Explorer: ha il motore 904 cm³ derivato dalla Ducati 900SS, con cambio a 5 marce e iniezione elettronica Weber-Marelli: la moto, costossissima, è equipaggiata della miglior componentistica allora presente sul mercato, come il monoammortizzatore Ohlins ed i freni Nissin. Presentava a corredo una targhetta portachiavi in argento con il numero progressivo e firmata da Edi Orioli. Ora è rara e ricercata dai collezionisti per la sua esclusività.

cagiva elefant

Nel 1992 questa maxienduro sportiva è adattata leggermente ad usi turistici ed è allestita la versione GT, che si differenzia dalla Lucky Explorer per la più sobria livrea grigia metallizzata e per l’adozione di una forcella tradizionale Marzocchi Magnum con steli da 45 mm al posto della precedente Marzocchi con steli da 42,7 mm.

cagiva elefant

Nel 1993 il progetto Elefant 900 è rivisto in modo sostanziale ed entra in produzione la 900 AC a carburatori, che rispetto alla precedente IE ha dei costi di produzione e di vendita inferiori che contribuiranno al successo nelle vendite. Rispetto alla versioni ad Iniezione, la nuova Elefant AC presenta una serie di modifiche sostanziali: il motore è il nuovo 904, con frizione “spinta” (con comando della frizione passante all’interno dell’albero primario del cambio) e cambio a sei rapporti. Con l’adozione dei carburatori a depressione Mikuni BST38, il carattere già poco mansueto del desmodue si acutizza e così si opta per delle testate con diagramma di distribuzione meno spinto:

cagiva elefant

il diametro delle valvole di aspirazione scende da 43 a 41 mm e quelle di scarico passano da 41 a 39 mm. Anche la fasatura degli alberi a camme è meno spinta e sarà poi adottata sulla seconda serie della Ducati M900. Sotto il profilo ciclistico, la 900 AC subisce alcuni importanti aggiornamenti: il pregiato ammortizzatore Ohlins, con comando di precarico idraulico della molla, cede il posto ad un più economico Boge, mentre all’anteriore la forcella Marzocchi Magnum da 45 mm cede il posto alla Showa USD con steli da 45.

cagiva elefant

Anche l’impianto frenante viene modificato: l’impianto a disco singolo anteriore da 296 mm della IE cede il posto al doppio disco da 282 mm della AC: le pinze non sono più le costose Nissin ma si impiegano delle sempre ottime Brembo flottanti da due pistoncini. Nella marmitta, immutata esteriormente, è inserito un catalizzatore retrofit.

Questa Elefant, con modifiche minime nel corso degli anni, sarà prodotta fino al 1996, quando cederà il posto alla Cagiva Gran Canyon e dal 1994 ne sarà derivata la terza serie della Elefant 750, uguale in tutto alla 900 fatta eccezione per la forcella tradizionale Marzocchi (uguale a quella della 900 IE GT), e dell’impianto frenante, ancora a disco singolo e con pinze Nissin.

Caratteristiche tecniche – Cagiva Elefant 900 [GT]

cagiva elefant

Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2.295 × 860 × 970 mm
Altezze Sella: 900 mm – Minima da terra: 260 mm
Interasse: 1.570 mm Massa a vuoto: 189 kg a secco, in ordine di marcia 208 kg Serbatoio: 24, dal ’93 serbatoio da 22
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico, a 4 tempi Raffreddamento: ad aria e olio
Cilindrata 904 cm³ (Alesaggio 92,0 x Corsa 68,0 mm)
Distribuzione: desmodromica a due valvole Alimentazione: iniezione elettronica e Weber da 42 mm, dal ’93 in poi Carburatore Mikuni BDST 38 B 135 con comando desmodromico
Potenza: 66 kW (90 cv) a 8.500 rpm, da ’93 in poi 70 kW (95 cv) a 8.500 rpm Coppia: 8 kgm – 5500 rpm Rapporto di compressione: 9,2 ± 0,5:1
Frizione: multidisco in bagno d’olio Cambio: sequenziale a 5 rapporti1°: 15/37 (2,466) 2°: 18/29 (1,611) 3°: 21/26 (1,238) 4°: 23/24 (1,043) 5°: 25/22 (0,880)
a 6 rapporti dal ’93 in poi e con la versione GT 1°: 15/37 (2,466) 2°: 17/30 (1,765) 3°: 20/27 (1,350) 4°: 22/24 (1,091) 5°: 24/23 (0,958) 6°: 28/24 (0,857)
Accensione elettronica
Trasmissione primaria a ingranaggi 31/62 (2); secondaria a catena 14/46 (3,286) [15/46 (3,066)]
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio a doppia culla a tubi quadrati in acciaio
Sospensioni Anteriore: forcella telescopica da 45 mm della “MARZOCCHI”, dal ’93 in poi “Showa” a steli rovesciati da 45 mm / Posteriore: monoammortizzatore idraulico dell’ “Öhlins”, dal ’93 in poi “Boge”
Freni Anteriore: a disco da 296 mm con pinze nissin, dal ’93 freno a doppio disco da 282 mm / Posteriore: a disco da 240 mm
Pneumatici anteriore 100/90-19 – posteriore 140/80-17

cagiva elefant

Testo tratto e modificato: https://it.wikipedia.org/wiki/Cagiva_Elefant

Articolo in collaborazione con: http://www.curiosando708090.altervista.org



Per contattare
l’amministratore di questo sito invia una mail a: [email protected]

Il testo è disponibile
secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso
modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*